Larry Franco Trio - Tributo a Nat King Cole

Formazione:

  • Larry Franco - Piano & Voce
  • Guido Di Leone - Chitarra
  • Ilario De Marinis - Contrabbasso

L'omaggio a Nat King Cole è in ordine di tempo il primo progetto musicale di Larry Franco.  Viene proposto in trio "drumless", cercando di rispettare le sonorità tipiche dell'epoca. Uno straordinario concerto dedicato ad uno dei personaggi del Jazz più amati dal pubblico: Nat King Cole. A ricordarlo con una formazione identica all'originale, il pianista-crooner Larry Franco, insieme al chitarrista Guido Di Leone ed al contrabbassista Ilario De Marinis. Larry Franco, jazzista italiano, conosciuto da vari anni per aver esportato la canzone italiana in Jazz in tutto il mondo, che ha vinto l'Italian Jazz Awards come "Best Jazz Singer 2008", torna al suo primo amore. Infatti, in ordine di tempo questo è stato il suo primo progetto realizzato nel 1992 ed eseguito in anteprima al Saint Louis di Roma ed allo storico "Strange Fruit" di Bari in quegli anni. A seguire, il CD "Nuttin' But Nat", in cui hanno partecipato Franco Cerri, Fabrizio Bosso, Massimo Manzi, Guido Di Leone e Ilario De Marinis. Il progetto, per un pò lasciato in disparte per fare spazio ai nuovi, ciclicamente ritorna con il grande desiderio di suonare quel fantastico repertorio.

  • Larry Franco, classe 1961, inizia a suonare il pianoforte all’età di sei anni. Comincia a cantare nel 1990 con la Jazz Orchestra Studio di Bari e si esibisce in prestigiosi contesti nazionali ed internazionali, come alla Delegazione italiana permanente del Consiglio Atlantico di Bruxelles o presso l’Istituto Di Cultura Italiana di Los Angeles, dove incontra il regista Michelangelo Antonioni e Sofia Loren, in occasione di una nomination agli Oscar del cinema. Nel 1998 incontra Nicola Arigliano e diventa il pianista del suo trio. Nel 1999 parte in tournée negli Emirati Arabi ed incide, insieme a grandissimi musicisti come Franco Cerri, Fabrizio Bosso, Guido Di Leone e Massimo Manzi, il cd Nuttin’ But Nat, dedicato al grande Nat King Cole. Negli anni seguenti, Franco è impegnato in lunghe ed articolate tournee internazionali in Turchia, Etiopia, India, Marocco, Romania, Australia, Hong Kong, Giappone, Cuba, Albania, Siria, Svezia, Svizzera. Alterna la sua presenza, in Italia, partecipando ad importanti festival Jazz come Umbria Jazz Winter ad Orvieto, Ischia Jazz, Livorno Jazz e la Jazzit Fest a Collescipoli (TR). Molto ricca e variegata la sua discografia composta da 17 Cd a suo nome: Concerto Per Una Vita con la Hill Side Jazz Band pro ADMO nel 1997, Friends for ADMO con la Crazy Swing Band con Joey Garrison  e Nuttin But Nat con Franco Cerri e Fabrizio Bosso nel 1999, Non e’ Solo tANTa Musica e Dixinitaly con la Dixinitaly Jazz Band nel 2000, Christmas Song con la Dixinitaly Jazz Band e gli Ottonando Brass Quintet e Dixinitaly 2 nel 2002, Introducing…Larry Franco Jazz Singer e Italian Jazz Ensemble nel 2004, Import- Export 1 LF Quartet nel 2005, Two In One – Piano Elegy e Larry Franco Jazz Society nel 2007,  Larry Franco 3 For Nat, Larry Franco All Of Me e Larry Franco Big Band -Dear Frank – dedicato a Sinatra- nel 2008, Larry Franco Swingtet – Fahrenheit nel 2010 ed Abbassa La Tua Radio, in trio, nel 2016.
  • Guido Di Leone, chitarrista barese, classe 1964, è anche compositore, arrangiatore ed ideatore di gruppi. Ha inciso più di cento lavori discografici, la cui metà come leader.  Ha fondato una etichetta discografica, la Fo(u)r ed insegna chitarra ed armonia presso la scuola Il Pentagramma di Bari, da lui fondata e della quale è anche direttore. Per dieci anni, a partire dal 2004 ha insegnato, presso il Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari chitarra jazz nei corsi accademici di primo e secondo livello. Nel 2002 viene pubblicato dalla Sinfonica Jazz – Carish, il suo lavoro testuale Metodo Facile e Completo Di Teoria Jazz, che viene tradotto anche in Braille per i non vedenti. Appassionato dalla sonorità del grande chitarrista Jim Hall, gli dedica, nel 1991, il suo primo lavoro discografico All For Hall, con riscontro positivo ed apprezzamento dallo stesso Hall.Suona in Italia ed all’estero, collaborando con grandi musicisti della sfera nazionale ed internazionale come Dado Moroni, Gianni Basso, Jim Rotondi, Paolo Fresu e Ira Coleman.
  • Ilario De Marinis,contrabbassista, nasce a Trani nel 1948. Suona il basso elettrico nel gruppo The Praxis agli esordi della sua carriera artistica. Frequenta il Conservatorio, dove studia contrabbasso e suona in piccoli combo, come con big bands e con grandissimi nomi della scena jazz americana come Chet Baker, Lee Koviz e Dizzy Gillespie. Collabora anche con i migliori musicisti italiani, quali Paolo Fresu ed Enrico Rava.

"Era inevitabile che la passione di Larry Franco per Nat King Cole finisse prima o poi per tradursi in un disco.
Il suo è un omaggio a uno stile, una rievocazione di determinate atmosfere che si confermano intramontabili proprio perchè sono capaci di sopravvivere ai loro creatori.
Un repertorio dal fascino irresistibile costellato, fra i tanti, da classici come "Route 66" e "Straighten Up And Fly Right", "It's Only A Paper Moon" e "Sweet Lorraine", accanto ai quali troverete anche "Nat King Cole", ennesimo ritratto della galleria dedicata dal giornalista Mario Pogliotti ai grandi del Jazz o, ancora, "Capuccina", che in realtà è una gustosa versione stelle a strisce del noto "Permettete Signorina" di Pallavicini-Massara, ripescata da una rara incisione della Capitol e riarrangiata da Larry Franco.
La sua voce morbida e raffinata vi accompagnerà con gusto e senza scossoni, ben sostenuta dall'ottima sezione ritmica -di cui Larry è anche il pianista- composta da Guido Di Leone e Ilario De Marinis.
C'è insomma di che rifarsi il palato, perchè se non è ancora chiaro, Larry Franco non è "uno che cerca di cantare come Nat King Cole", ma "uno che suona e interpreta le canzoni di Nat King Cole".
E, appunto, sa farlo bene."

Ugo Sbisà